Itinerario di 3 giorni sull'isola d'Elba

Itinerario di 3 giorni sull’isola d’Elba: cosa fare e vedere

L’isola d’Elba è il luogo ideale per chi cerca una vacanza (in barca a vela) al mare, sotto il sole e, magari, distante dalla folla.

Una costa lunga 147 chilometri in cui si racchiudono: approdi spettacoli, fortificazioni e borghi antichi.

I colori dell’isola sono quelli che hanno affascinato i grandi artisti post-macchiaioli ma, anche, lo stesso Napoleone Bonaparte.

I tantissimi turisti che, ogni anno, visitano le bellezze dell’isola d’Elba compiono un esilio (temporaneo) indimenticabile.

Per semplificarvi la vita, all’interno di quest’articolo abbiamo pensato di creare un itinerario di 3 giorni in giro per l’arcipelago.

Siete pronti?

Si salpa!

Itinerario di 3 giorni sull’isola d’Elba: il primo giorno

Il primo giorno (dei tre) del nostro itinerario sull’isola d’Elba parte da Portoferraio: la cittadina principale di tutto l’arcipelago.

La stessa che per altro, nel 1814, ospitò l’esule Napoleone Bonaparte.

Quest’ultimo, soggiornò alla Palazzina dei Mulini che vale la pena visitare.

Dopodiché, ci spostiamo a Marciana Marina: una delle località preferite dai turisti.

Situata lungo la costa settentrionale dell’isola d’Elba, la cittadina ha mantenuto il fascino dei caratteri architettonici dell’Ottocento che le donano un aspetto (quasi) romantico.

La spiaggia più bella e famosa è sicuramente quella della Fenicia, situata dietro la Torre Saracena che rappresenta il simbolo del paese.

Anche la vita notturna ha il suo perché con Marciana Marina che, di notte, mostra anche il proprio lato mondano.

Il secondo giorno

La nostra “3 giorni sull’isola d’Elba” la proseguiamo, il secondo giorno, a Marina di Campo.

Il centro storico è pittoresco, ma la vera chicca è la spiaggia di sabbia bianca lunga 2 chilometri che ha permesso al borgo di crescere dal punto di vista turistico.

Qui, si trovano le famose e frequentatissime spiagge di Fetovaia e Cavoli.

La prima, è inserita in una cornice naturale fatte di scogliere.

Il fondale è poco profondo.

La sabbia, invece, è granulosa. Quasi di granito. Di quelle che non si attaccano alla pelle ma alla memoria di chi la visita.

La seconda, invece, prende il proprio nome dall’antica denominazione che veniva data ai blocchi di granito che circondano tutto il litorale.

Le stesse rocce granitiche che sovrastano la spiaggia presentano, nascoste un po’ dalla vegetazione, antiche cave romane medievali.

Il terzo giorno

Il terzo e ultimo giorno del nostro itinerario sull’isola d’Elba lo passiamo a Porto Azzurro.

Uno dei borghi più belli e romantici di tutto l’arcipelago.

Distante solamente 13 chilometri da Portoferraio, nelle vicinanze del borgo si trovano diverse aziende vitivinicole dove assaggiare il vino prodotto sull’isola.

Incantevoli le spiagge come quella di Barbarossa che prende il nome dal famoso pirata che, secondo la leggenda, sbarcò proprio da quelle parti.

Passeggiate tra le viuzze e le scalinate dalle quali potrete scorgere un panorama davvero incantevole.

Grandissima, infine, la piazza principale del borgo dove, la serata, spesso e volentieri vengono organizzati degli eventi.

Ti potrebbero interessare anche...

Salina

Salina, un paradiso delle Isole Eolie: i posti da visitare

Salina è il vero e proprio paradiso delle Isole Eolie. Un luogo meraviglioso, ricco di continue sorprese e panorami incantevoli. L’isola scelta da Massimo Troisi per girare il suo ultimo film: “Il Postino”. Un vero e proprio spot pubblicitario per l’ isola che, comunque sia,

Cosa vedere a Panarea

Cosa vedere a Panarea: l’isola più piccola delle Eolie

Panarea è l’isola più piccola ma anche la più caratteristica delle Eolie. La stessa, forma con tutta una serie di piccole isolette un vero e proprio micro arcipelago che si staglia tra Lipari e Stromboli. Una vera e propria perla della natura, dichiarata dal 1997 Patrimonio dell’UNESCO.

Cosa vedere e fare a Lipari

Cosa fare e vedere a Lipari: l’isola più grande delle Eolie

Lipari è l’isola più grande e più movimentata di tutto l’arcipelago delle Eolie. Un tempo si chiamava “melingunis” che in greco significa dolce. L’aggettivo adatto, in qualche modo, per descrivere le dolci montagne dalle quali si ammarano fantastici panorami… …oppure, per descrivere il clima dolce…mite.

Isola di Vulcano

L’isola di Vulcano alle Eolie: cosa vedere e fare

L’isola di Vulcano rappresenta uno dei simboli dell’arcipelago delle Eolie. Sicuramente tra le più affascinanti per via delle particolari spiagge e, soprattutto, del cratere che domina l’isola. Il protagonista di questo luogo magico, che esprime la forza della natura, è il vulcano. Lo stesso che

Isole Eolie

Isole Eolie: dove sono e cosa vedere

Cosa c’è di meglio di una vacanza (in barca a vela) nelle Isole Eolie? D’origine vulcanica, l’arcipelago eoliano si trova in Sicilia, nella zona orientale, in pieno mar Mediterraneo. Una vera e propria perla della natura con le incredibili scogliere a picco sul mare che